Paralimpici: a Roma weekend di Societari

01 Ottobre 2020

L’evento tricolore sabato e domenica alle Tre Fontane con tanti big azzurri

 

AGGIORNATO ORE 17.00 - Sabato 3 e domenica 4 ottobre saranno di scena a Roma i Campionati italiani paralimpici di società. Il centro di preparazione paralimpica delle Tre Fontane, all’Eur, sarà teatro di battaglia per i 30 club di tutta Italia a caccia dei titoli tricolori in palio. Alla manifestazione, che si svolgerà a porte chiuse, sono attesi 124 atleti paralimpici, compresi tutti i big azzurri interessati a centrare risultati da ranking mondiale in vista delle Paralimpiadi di Tokyo del prossimo anno.

Dopo gli Assoluti di Jesolo di tre settimane fa, torna a gareggiare la campionessa iridata e paralimpica Martina Caironi (Fiamme Gialle) che tenterà di migliorare ulteriormente la prestazione di altissimo livello nel lungo T63 dove, con salto seppur ventoso, ha eguagliato il primato mondiale di 5 metri. Nei 100 a sfidarla ci penserà sempre la pluridecorata Monica Contrafatto (Studentesca Rieti Milardi), cui si aggiunge la toscana Ambra Sabatini (Atletica Grosseto Banca Tema) alla seconda prova agonistica della sua giovane carriera.

Nelle gare di velocità femminile sarà presente Oxana Corso, una delle sprinter T35 più forti al mondo che si metterà alla prova per la prima volta nel salto in lungo. Nelle pedane dei lanci, purtroppo, non ci sarà Assunta Legnante (Anthropos Civitanova), quattro ori iridati nel peso F11: nella giornata odierna ha subito un grave infortunio al tendine d’Achille del piede sinistro mentre si stava allenando a Civitanova Marche e si sottoporrà nei prossimi giorni ad ulteriori accertamenti. Spazio all’argento mondiale F11 Oney Tapia (Fiamme Azzurre), in gara per l’occasione con l’Omero Bergamo, che Lorenzo Tonetto (Trionfo Ligure) per la categoria F64, cercheranno misure migliori ai 42 metri delle loro ultime uscite. Si attende invece una risposta più che convincente da Giuseppe Campoccio (Paralimpico Difesa), campione europeo in carica del peso F33, impegnato nelle prime gare di un 2020 funestato dall’emergenza Covid.

Il salto in lungo femminile schiera Francesca Cipelli (Veneto Special Sport), finalista mondiale nella categoria T37. La corsa in carrozzina nelle sue varie distanze fino ai 1500 metri sarà rappresentata da Diego Gastaldi (T53) e Nicholas Zani (T33), primatisti italiani delle rispettive categorie per il Sempione 82. L’attenzione del mezzofondo è tutta sui 1500 di Ndiaga Dieng (Anthropos Civitanova), riuscito nell’impresa di fissare il record del mondo degli 800 T20 (categoria degli intellettivo-relazionali) a 1:51.62 la scorsa settimana a Grosseto. Saranno ai blocchi di partenza delle gare di sprint i due giovani portacolori della Sempione 82, Lorenzo Marcantognini e Riccardo Bagaini che si sono resi protagonisti agli Assoluti rispettivamente col primato iridato dei 400 T63 (1:10.67) e il record italiano dei 400 T47 (51.24).

Per i nuovi talenti i Societari presentano la sfida interessante fino all’ultimo centimetro tra Alessio Talocci (Anthropos Civitanova) e Cristian Lella (Polisportiva Luna e Sole) nel peso F20. Tra le donne è iscritta Margherita Paciolla (Omero Bergamo), la pluridecorata a livello europeo e mondiale nella velocità e lungo T13 Under 17. Presente nei 100, 200 e 400 T12 l’atleta transgender Valentina Petrillo che vestirà come sempre i colori dell’Omero Bergamo, club campione d’Italia 2019 in tutte le categorie.

Giuliana Grillo (ufficio stampa FISPES)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate